Oscar 2018: vince la favola fantastica di Guillermone!

Quest’anno si è tenuta una cerimonia importante, si festeggiavano i 90 anni degli Academy Awards eppure l’evento di quest’anno è stato tra i più piatti e monotoni che abbiamo mai seguito. A condurre ritroviamo Jimmy Kimmel, che già l’anno scorso ci era quasi riuscito a farci addormentare se non fosse stato per quel clamoroso colpo di scena finale (o gaffe) di Warren Beatty e Faye Dunaway (ovviamente non sono mancate battutine a riguardo)…

Mark Hamill Oscars GIF by The Academy Awards - Find & Share on GIPHY

Tra poca comicità, tanta seriosità, time’s up, commemorazioni varie e nemmeno qualche divertente siparietto, è stata un’edizione tutto sommato tranquilla ed abbastanza equilibrata. Guillermone ha segnato una telefonata ma incredibile doppia vittoria (miglior film e miglior regia), Tre manifesti si è accaparrato miglior attrice protagonista (Frances McDormand) e miglior attore non protagonista (Sam Rockwell) e Gary Oldman si è finalmente beccato una statuetta (sì!). L’Italia, con Guadagnino in gara, si accontenta di miglior sceneggiatura non originale (mica male, eh!), mentre Scappa – Get Out si rivela una grossa   ̶s̶v̶i̶s̶t̶a̶  sorpresa e vince addirittura la sceneggiatura originale.

Qui di seguito un paio di momenti salienti dell’evento e poi tutti i vincitori di questa novantesima edizione:

Risultati immagini per oscars 2018 frances mcdormand

“Tutte abbiamo storie da raccontare e progetti da finanziare. Non parlateci di questa cosa alle feste di stasera. Invitateci nel vostro ufficio tra un paio di giorni o venite al nostro, come credete meglio, e vi diremo tutto. Ho due parole prima di lasciarvi stasera, signore e signori: INCLUSION RIDER.”

“A tutti quelli che sognano di usare la fantasia per raccontare storie su cose che esistono nel mondo di oggi: potete farlo. La porta è aperta. Spingetela e entrate.”

 


Miglior film

  • LA FORMA DELL’ACQUA – GUILLERMO DEL TORO E J. MILES DALE
  • Chiamami col tuo nome – Peter Spears, Luca Guadagnino, Emilie Georges e Marco Morabito
  • Dunkirk – Emma Thomas e Christopher Nolan
  • Il filo nascosto – JoAnne Sellar, Paul Thomas Anderson, Megan Ellison e Daniel Lupi
  • Lady Bird – Scott Rudin, Eli Bush e Evelyn O’Neill
  • L’ora più buia – Tim Bevan, Eric Fellner, Lisa Bruce, Anthony McCarten e Douglas Urbanski
  • The Post – Amy Pascal, Steven Spielberg e Kristie Macosko Krieger
  • Scappa – Get Out – Sean McKittrick, Jason Blum, Edward H. Hamm Jr. e Jordan Peele
  • Tre manifesti a Ebbing, Missouri – Graham Broadbent, Pete Czernin e Martin McDonagh

Migliore regia

  • GUILLERMO DEL TORO – LA FORMA DELL’ACQUA 
  • Paul Thomas Anderson – Il filo nascosto
  • Greta Gerwig – Lady Bird
  • Christopher Nolan – Dunkirk
  • Jordan Peele – Scappa – Get Out

Migliore attore protagonista

  • GARY OLDMAN – L’ORA PIU’ BUIA 
  • Timothée Chalamet – Chiamami col tuo nome
  • Daniel Day-Lewis – Il filo nascosto
  • Daniel Kaluuya – Scappa – Get Out
  • Denzel Washington – Roman J. Israel, Esq.

Migliore attrice protagonista

  • FRANCES MCDORMAND – TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI 
  • Sally Hawkins – La forma dell’acqua – The Shape of Water
  • Margot Robbie – Tonya
  • Saoirse Ronan – Lady Bird
  • Meryl Streep – The Post

Migliore attore non protagonista

  • SAM ROCKWELL – TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI 
  • Willem Dafoe – Un sogno chiamato Florida
  • Woody Harrelson – Tre manifesti a Ebbing, Missouri
  • Richard Jenkins – La forma dell’acqua 
  • Christopher Plummer – Tutti i soldi del mondo

Migliore attrice non protagonista

  • ALLISON JANNEY – TONYA
  • Mary J. Blige – Mudbound
  • Lesley Manville – Il filo nascosto
  • Laurie Metcalf – Lady Bird
  • Octavia Spencer – La forma dell’acqua 

Migliore sceneggiatura originale

  • JORDAN PEELE – SCAPPA – GET OUT 
  • Guillermo del Toro e Vanessa Taylor – La forma dell’acqua
  • Greta Gerwig – Lady Bird
  • Emily V. Gordon e Kumail Nanjiani – The Big Sick – Il matrimonio si può evitare… l’amore no
  • Martin McDonagh – Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Migliore sceneggiatura non originale

  • JAMES IVORY – CHIAMAMI COL TUO NOME
  • Scott Frank, James Mangold e Michael Green – Logan – The Wolverine
  • Scott Neustadter e Michael H. Weber – The Disaster Artist
  • Dee Rees e Virgil Williams – Mudbound
  • Aaron Sorkin – Molly’s Game

Miglior film straniero

  • UNA DONNA FANTASTICA (UNA MUJER FANTASTICA), REGIA DI SEBASTIAN LELIO  (CILE)
  • Corpo e anima (Testről és lélekről), regia di Ildikó Enyedi (Ungheria)
  • L’insulto (L’insulte), regia di Ziad Doueiri (Libano)
  • Loveless (Neljubov), regia di Andrej Zvjagincev (Russia)
  • The Square, regia di Ruben Östlund (Svezia)

Miglior film d’animazione

  • COCO, REGIA DI LEE UNKRICH E ADRIAN MOLINA
  • Baby Boss (The Boss Baby), regia di Tom McGrath
  • The Breadwinner, regia di Nora Twomey
  • Ferdinand, regia di Carlos Saldanha
  • Loving Vincent, regia di Dorota Kobiela e Hugh Welchman

Migliore fotografia

  • ROGER A. DEAKINS – BLADE RUNNER 2049
  • Bruno Delbonnel – L’ora più buia
  • Hoyte Van Hoytema – Dunkirk
  • Rachel Morrison – Mudbound
  • Dan Laustsen – La forma dell’acqua 

Miglior montaggio

  • LEE SMITH – DUNKIRK
  • Jon Gregory – Tre manifesti a Ebbing, Missouri
  • Paul Machliss e Jonathan Amos – Baby Driver – Il genio della fuga 
  • Tatiana S. Riegel – Tonya
  • Sidney Wolinsky – La forma dell’acqua 

Migliore scenografia

  • PAUL D. AUSTERBERRY, SHANE VIEAU E JEFF MELVIN – LA FORMA DELL’ACQUA
  • Nathan Crowley e Gary Fettis – Dunkirk
  • Dennis Gassner e Alessandra Querzola – Blade Runner 2049
  • Sarah Greenwood e Katie Spencer – La bella e la bestia
  • Sarah Greenwood e Katie Spencer – L’ora più buia

Migliore colonna sonora

  • ALEXANDRE DESPLAT – LA FORMA DELL’ACQUA
  • Carter Burwell – Tre manifesti a Ebbing, Missouri
  • Jonny Greenwood – Il filo nascosto
  • John Williams – Star Wars: Gli ultimi Jedi
  • Hans Zimmer – Dunkirk

Migliore canzone

  • “REMEMBER ME” (MUSICA E TESTI DI KRISTEN ANDERSON-LOPEZ E ROBERT LOPEZ) – COCO
  • “Mighty River” (musica e testi di Mary J. Blige, Raphael Saadiq e Taura Stinson) – Mudbound
  • “Mystery of Love” (musica e testi di Sufjan Stevens) – Chiamami col tuo nome
  • “Stand Up For Something” (musica di Diane Warren, testi di Diane Warren e Lonnie Lynn) – Marcia per la libertà
  • “This is Me” (musica e testi di Benj Pasek e Justin Paul) – The Greatest Showman

Migliori effetti speciali

  • JOHN NELSON, GERD NEFZER, PAUL LAMBERT E RICHARD R. HOOVER – BLADE RUNNER 2049
  • Joe Letteri, Daniel Barrett, Dan Lemmon e Joel Whist – The War – Il pianeta delle scimmie
  • Ben Morris, Mike Mulholland, Neal Scanlan e Chris Corbould – Star Wars: Gli ultimi Jedi
  • Stephen Rosenbaum, Jeff White, Scott Benza e Mike Meinardus – Kong: Skull Island
  • Christopher Townsend, Guy Williams, Jonathan Fawkner e Dan Sudick – Guardiani della Galassia Vol. 2

Miglior sonoro

  • MARK WEINGARTEN, GREGG LANDAKER E GARY A. RIZZO – DUNKIRK
  • Ron Bartlett, Doug Hemphill e Mac Ruth – Blade Runner 2049
  • Christian Cooke, Brad Zoern e Glen Gauthier – La forma dell’acqua
  • David Parker, Michael Semanick, Ren Klyce e Stuart Wilson – Star Wars: Gli ultimi Jedi
  • Julian Slater, Tim Cavagin e Mary H. Ellis – Baby Driver – Il genio della fuga

Miglior montaggio sonoro

  • RICHARD KING E ALEX GIBSON – DUNKIRK
  • Mark Mangini e Theo Green – Blade Runner 2049
  • Nathan Robitaille e Nelson Ferreira – La forma dell’acqua
  • Julian Slater – Baby Driver – Il genio della fuga
  • Matthew Wood e Ren Klyce – Star Wars: Gli ultimI Jedi

Migliori costumi

  • MARK BRIDGES – IL FILO NASCOSTO
  • Consolata Boyle – Vittoria e Abdul
  • Jacqueline Durran – La bella e la bestia
  • Jacqueline Durran – L’ora più buia
  • Luis Sequeira – La forma dell’acqua

Miglior trucco e acconciatura

  • KAZUHIRO TSUJI, DAVID MALINOWSKI E LUCY SIBBICK – L’ORA PIU’ BUIA
  • Daniel Phillips e Lou Sheppard – Vittoria e Abdul
  • Arjen Tuiten – Wonder

Miglior documentario

  • ICARUS, REGIA DI BRYAN FOGEL
  • Abacus: Small Enough to Jail, regia di Steve James
  • Last Man in Aleppo, regia di Firas Fayyad
  • Strong Island, regia di Yance Ford
  • Visages Villages, regia di Agnès Varda e JR

Miglior cortometraggio documentario

  • HEAVEN IS A TRAFFIC JAM ON THE 405, REGIA DI FRANK STIEFEL
  • Edith+Eddie, regia di Laura Checkoway e Thomas Lee Wright
  • Heroin(e), regia di Elaine McMillion Sheldon e Kerrin Sheldon
  • Knife Skills, regia di Thomas Lennon
  • Traffic Stop, regia di Kate Davis e David Heilbroner

Miglior cortometraggio

  • THE SILENT CHILD, REGIA DI CHRIS OVERTON E RACHEL SHENTON
  • DeKalb Elementary, regia di Reed Van Dyk
  • The Eleven o’Clock, regia di Derin Seale e Josh Lawson
  • My Nephew Emmett, regia di Kevin Wilson, Jr.
  • Watu Wote/All of Us, regia di Katja Benrath e Tobias Rosen

Miglior cortometraggio d’animazione

  • DEAR BASKETBALL, REGIA DI GLEN KEANE E KOBE BRYANT
  • Garden Party, regia di Victor Caire e Gabriel Grapperon
  • Lou, regia di Dave Mullins e Dana Murray
  • Negative Space, regia di Max Portner e Ru Kuwahata
  • Revolting Rhymes, regia di Jakob Schuh e Jan Lachauer
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...