The Truman Show by Andrea Iusso

Truman2
The Truman Show by Andrea Iusso

E casomai non vi rivedessi, buon pomeriggio, buonasera e buonanotte!

A vent’anni dall’uscita del celebre The Truman Show, l’illustratore Andrea Iusso ha realizzato un suggestivo disegno ispirato al finale della pellicola diretta da Peter Weir e interpretata da Jim Carrey.

Annunci

#MonsterMovies – Colossal, un film piccolo con mostri giganti

Nostalgia in V.H.S.

Risultati immagini per colossal poster
Quando il cap Simone Martinelli mi ha riferito dell’arrivo di Colossal su Netflix ero davvero contento. Ci sono voluti giusto un paio d’anni (fu presentato già nel 2016 in anteprima al Toronto Film Fest) prima che il film trovasse una distribuzione anche qui in Italia. Di Nacho Vigalondo, regista spagnolo da poco sbarcato in territorio hollywoodiano, potrete aver visto film come Timecrimes o Extraerrestre (produzioni spagnole) o ancora il più recente Open Windows (prima sua produzione americana, con Elijah Wood e Sasha Grey)… film tutto sommato indipendenti, molto piccoli e con piccole ma buone idee. Anche questo Colossal dal nome “colossale” parte e si sviluppa su una piccola ma buona idea eppure mi sono sentito leggermente deluso (rispetto al trailer che proponeva un qualcosa di apparentemente diverso). Con una manciata di attori ben piazzati, ben seguiti e ben diretti, Nacho Vigalondo crea un film di mostri con pochissimi mostri-animaleschi (se intendiamo…

View original post 377 altre parole

#MonsterMovies – Attack the block, mostri di periferia

Nostalgia in V.H.S.

Risultati immagini per attack the block poster

E’ passato un mese dall’ultima puntata della nostra rubrica #MonsterMovies. Ci eravamo lasciati con la gloriosa rinascita cinematografica dei mecha (Jaeger) e dei kaiju by Guillermone, novità freschissima che ha riportato in sala con potenza il genere dei mostri che devastano tutto. Allontaniamoci dai blockbuster e kolossal pieni di soldoni ed effetti digitali di spettacolare grandezza e magnificenza, perchè oggi vi parlo di una chicca indipendente tutta girata nella periferia londinese: Attack the block, esordio registico (e che esordio!) di Joe Cornish.
Ecco la trama: Oval, periferia di Londra, notte. Una ragazza sta rientrando a casa da sola percorrendo strade deserte in una zona notoriamente mal frequentata. Si imbatte subito in una gang di giovani teppistelli dal volto coperto, l’aria minacciosa e dallo slang facile, che tatticamente la circondano e la derubano. Proprio durante il furto un meteorite piomba giù dal cielo schiantandosi su un’automobile a poca…

View original post 464 altre parole

#MonsterMovies – La meraviglia dei mecha contro i kaiju in Pacific Rim

Nostalgia in V.H.S.


2012: verso la fine dell’anno, che profeticamente doveva essere quello della fine del mondo, si diffonde sull’internet il video virale Breaking News: Kaiju Attack in cui una serie di notiziari annunciavano l’imminente e catastrofico attacco di un enorme kaiju.  Sarebbe stato solo un assaggio.
2013: Guillermo Del Toro realizza quello che molti giovani degli anni 80 appassionati di anime, robottoni spaziali e mostri orripilanti cattivissimi chiedevano da tempo: Pacific Rim. E lo fa in modo incredibile.

Immagine correlata
La storia: delle gigantesche creature mostruose iniziano a giungere da una breccia interdimensionale generatasi nei fondali più profondi dell’Oceano Pacifico. Neanche il tempo di accorgersene che immediatamente si rivelano come esseri infernali altamente offensivi e distruttori (“prima che i carri armati, i jet e i missili lo abbattessero, dopo sei giorni e cinquanta chilometri, tre città vennero distrutte. Si persero decine di migliaia di vite”). Dato il loro manifestarsi sempre…

View original post 671 altre parole

#MonsterMovies – Cloverfield scatena distruzione e paura a New York

Nostalgia in V.H.S.

Risultati immagini per cloverfield 2008 poster

Ci sono dei brusii. Lo schermo è nero, poi sgrana e ci si apre davanti una schermata di default con imperfezioni digitali che portano a un segnale di barre colore, poi di nuovo lo sfondo si fa nero. Tra un bzzz e l’altro compaiono scritte che sembrano avvisi federali: c’è scritto qualcosa come “Dipartimento della Difesa”, poi la linea si interrompe. Di nuovo le SMPTE color bars, poi dei codici incomprensibili e infine si riesce a leggere documento secretato “Cloverfield” (multiple sightings of case designate “Cloverfield”). Finalmente lo schermo inizia a riprendere normalmente: capiamo che da ora in poi tutto il film sarà un mockumentary, una sorta di documentario (telecamera a mano) di quello che accadrà da lì a poco. E non sarà piacevole. Scene di vita quotidiana, una mattiniera vista del Central Park dalle vetrate di un lussuoso attico di Manhattan, riprese in strada tra le

View original post 578 altre parole