Cartolina: Guerre Stellari all’Ideal Cityplex di Torino.

 

1888630_570221573085811_38003196_n
Il 20 ottobre 1977 nasceva a Torino il mito della Forza.

STAR WARS: EPISODIO IV – UNA NUOVA SPERANZA uscì il 25 maggio del 1977 solo in pochi cinema degli States, poichè molto sottovalutato. Perfino Brian De Palma screditò il genio di George Lucas. Ma poi la storia del successo del primo film e dei suoi seguiti è ormai nota.
Da noi, in Italia, STAR WARS arrivò col nome di GUERRE STELLARI alla fine dell’anno 1977. Quello di seguito è un ricordo a coloro che in quegli anni ebbero la fortuna e uno “strano” interesse per GUERRE STELLARI. Mio padre lo vide all’epoca all’Ideal Cityplex Cinema di Torino, ed io ho visto tutti gli episodi della saga degli Jedi proprio lì.

Annunci

Cartolina: gente in coda per il primo Star Wars.

star-wars-marquee
TCL Chinese Theatre (Los Angeles), maggio 1977.

Sono passati ormai già 3 giorni dall’uscita italiana (la nostra è stata dopo tante peripezie una gloriosa e sudata anteprima) e 1 giorno dall’uscita mondiale di STAR WARS: EPISODE VII – THE FORCE AWAKENS. Non so se da mercoledì  16 dicembre siete passati davanti ad un qualsiasi cinema (Noi non lo abbiamo fatto per non dover sopprimere un qualche simpaticone rivela spoiler, siamo molto fan-atici Noi), ma se l’aveste fatto avreste potuto vedere coi vostri occhi qualcosa che non capita spesso. Gente vestita da Jedi, gente vestita da Sith, maschere di Darth Vader e di Stormtroopers, appassionati con in mano spade laser di quelle MasterReplicas davvero fichissime. E poi nell’aria si percepiva tanta attesa mischiata a paura ed eccitazione. Io questo l’ho quasi visto. A Torino. Non ero davanti al cinema ma anche a 3-4 isolati di distanza potevo vedere tutti questi individui che da lì a poco, parcheggiata la macchina, si sarebbero diretti al cinema per ridere e/o piangere. NIENTE SPOILER, ragazzi. Io il film lo vedrò oggi pomeriggio e mi sento esaltato (a presto poi una rece)!

Ma ora vi chiedo, ve lo ricordate com’era laggiù negli States quando il 25 maggio del ’77 Lucas fece uscire il primo STAR WARS, quello che secondo Noi è il più stupefacentemente stupefacente e epicamente epico? Ve lo ricordate?

Star Wars: Episode IV – A new hope – La recensione

Star_wars_old
IN FASE DI SCRITTURA!

STAR WARS: EPISODE IV – A NEW HOPE
George Lucas, Usa, 1977 – Fantascienza, Avventura
Voto: 9 su 10.

Sicuramente uno dei film più amati della storia del cinema. Io stesso, e credo di poter affermare che Noi tutti dello staff, siamo dei fan accaniti dell’intera saga. Il mio unico rammarico è di non essermi potuto godere il momento dell’uscita al cinema dell’EPISODIO IV, vista la mia appartenenza alla classe ’91. Ma all’epoca dev’essere stato qualcosa di increbile e lo dico per il sentito dire da mio padre. E pensare che quando Lucas lo mostrò in anteprima privata a un gruppo di suo amici, uno questi, un certo Brian De Palma, lo criticò aspramente per i toni meta-favolistici e meta-epici e che solo uno, un certo Steven Spielberg, lo difese senza sapere del successo immininte. Infatti il film venne poi distribuito in meno di 40 sale negli States, ma riuscì a incassare un’esorbità di dollari, qualcosa come quasi 800 milioni a livello internazionale. Era il 25 maggio del 1977, e da noi arrivò il 21 ottobre  dello stesso anno con il nome di GUERRE STELLARI.

star-wars-marquee
Questo film non avrà successo, dicevano.

Mi piacerebbe potervi dire che dopo questa recensione, ne farò altre due per i due capitoli seguenti (EPISODE V – THE EMPIRE STRIKES BACK e EPISODE VII – THE RETURN OF THE JEDI) ma non lo farò. Per ora.

Quello che voglio fare è analizzare questo film in particolare e prendere una posizione per certi versi scomodae controversa: EPISODE IV come miglior film della triologia originale. Lo so, c’è chi ce l’ha col vecchio Lucas e lo addita come colui che ha rovinato tutto. Ovunque si cerchi, Lucas è odiato dai fan e lui odia i suoi fan. Ultimamente se n’è ancora venuto fuori con questa storia che si tratti solo di una soap opera tutta incentrata sui problemi di famiglia e che non si tratta di astronavi e che le grandi major l’hanno obbligato a fare film per i fan, motivo per cui si è poi tirato fuori da prossimi capitoli. Ma questa è una storia che va presa di più per la prequel trilogy, e io in sostanza non me la sento di dargli tutta la colpa del mondo, d’altra parte STAR WARS esiste grazie a lui! Abbandoniamo per un attimo tutta la parte di polemiche recenti e focalizziamoci su questa recensione.
Tralasciando la trama (che concisa sarebbe: Luke parte per un viaggio alla scoperta della Forza tra nuove amicizie e scoperte), il film denota uno sviluppo buonamente semplice, per non dire semplicistico, e abbastanza grezzo. Eppure racchiude in sè quella genialità e magia che gli altri difficilmente hanno saputo replicare, pregio che spesso e volentieri hanno quasi tutti i primi capitoli di una serie cinematografica e non. Accostiamo anche un mio certo interesse soggettivo nell’apprezzare l’epilogo di una storia

Mi spiego meglio, che sia stato per un motivo di mezzi e di tempo o altro ancora, ci sono molte imperfezioni tecniche e strutturali e di trama. Non solo fini a sè stesse, ma che vanno anche a cozzare con alcuni particolari della prequel trilogy. Problemi che vengono parzialmente risolti con lo sviluppo di una tencologia migliorata negli anni. E questo è un altro punto su cui fan e Lucas non vanno per niente d’accordo: la CGI. Con la digitalizzazione della pellicola, il film è stato rimaneggiato più volte, anche per motivi di usuramento della pellicola, e sono stati aggiunti particolari che devo ammettere abbastanza simpatici ad una visione nuova e allo stesso tempo insopportabili e forse evitabili. Lo capisco, quegli spettatori degli anni ’70 si sono sentiti tradire con questi pupazzi digitali come ad esempio l’aggiunta negli anni Ma ci sono state anche tante migliorie: si prenda per esempio la qualità video e audio, che ricolorata e ripulita nonchè raffinata nel dettaglio si presentano in gran splendore nelle versioni bluray.

SCALETTA:
motivi per cui il primo film di una serie è (quasi) sempre il migliore;
comparazioni con episodio 5 e 6;
george lucas e il rapporto con la serie;
problemi di CGI;
conclusioni.