Conspiracy – La cospirazione – La recensione

2fogli-data-senza-billing
CONSPIRACY – LA COSPIRAZIONE
Shintaro Shimosawa, Usa, 2016 – Drammatico, Thriller
Voto: 4,5 su 10.

E’ passato un po’ di tempo dall’ultima anteprima a cui ho assistito (Now you see me 2). Gli esami mi hanno assalito e non mi hanno lasciato scampo. Non so come, ho visto al pelo The neon demon (presto una nostra rece) prima di chiudermi definitivamente in casa a studiare. Ora tra uno esame e l’altro decido di tornare nel buio delle sale cinematografiche
ma… ecco la rece di Conspiracy – La cospirazione. Guardo velocemente cosa danno al cinema e scelgo questo perchè “diamine ci sono Anthony Hopkins e Al Pacino, quindi mi fido”. Non lo avessi mai fatto. Continua a leggere “Conspiracy – La cospirazione – La recensione”

Annunci

La pazza gioia – La recensione

 

20160408012738633985

LA PAZZA GIOIA
Paolo Virzì, Italia, 2016 – Commedia, Drammatico
Voto: 8 su 10.

È palese l’intenzione di Paolo Virzì, il suo progetto di proseguire sulla via della commedia all’italiana è in questo film più evidente del solito. Sono ormai passati i tempi di Gassman, di Tognazzi, di Scola e via discorrendo… sono passati i tempi della commedia con la medio-borghesia dominante a sfondo berlusconiano, sono passati per tutti ma non per Virzì.
La visione delle ultime due pellicole di questo regista, ricorda vagamente la commedia Continua a leggere “La pazza gioia – La recensione”

The nice guys – La recensione

20160408012738633985
THE NICE GUYS
Shane Black, Usa, 2016 – Commedia drammatica, Noir, Buddy movie
Voto: 7,5 su 10.

Il ritorno al passato. Si ritorna a quando Shane Black andava forte come sceneggiatore in pellicole come Arma Letale, L’ultimo boy-scout e Last hero action – L’ultimo grande eroe o ancora in Kiss kiss bang bang di cui fu sia sceneggiatore che regista all’esordio. Lasciate perdere Iron Man 3 che di sicuro è il suo lavoro peggio diretto (che se messo a confronto con gli altri film Marvel non mi dispiacque neanche così tanto) anche se viene qui tirato in ballo nuovamente come se fosse uno sfoggio di garanzia (e qui c’è da arrabbiarsi, perché allora Continua a leggere “The nice guys – La recensione”

The diary of a teenage girl – La recensione

Diary-Poster

THE DIARY OF A TEENAGE GIRL
Marielle Heller, Usa, 2015 – Drammatico
Voto: 7,5 su 10.

Bisogna fare attenzione, The diary of a teenage girl non è un film così allegro come il manifesto suggerisce, con la giovane Bel Powley, che interpreta la quindicenne Minnie Goetz, seduta su un divano affiancata da Kristen Wiig e Alexander Skarsgard, insieme e vagamente storditi e con fiori animati che fungono da sfondo. Ci si aspetterebbe una fragile e goffa commedia che tratta di tensioni familiari in stile Juno, ma vi posso assicurare che questo è tutto un Continua a leggere “The diary of a teenage girl – La recensione”

The Truman show – Curiosità

THE TRUMAN SHOW
Peter Weir, Usa, 1998 – Drammatico, Commedia

1. Truman è composto dalle due parole inglesi True (vero) e Man (uomo), in quanto unico personaggio reale dello show.
2. Meryl e Marlon, rispettivamente la moglie e il miglior amico di Truman all’interno del reality, sono così chiamati in riferimento a Meryl Streep e Marlon Brando, appunto per sottolineare che sono attori e non hanno vincoli reali con Truman.
3. Il nome di Christof, il creatore dello show, è un evidente riferimento a Cristo, in quanto creatore e poichè guarda tutto dall’alto come una sorta di entità.
4. C’è una piccola apparizione nel film del noto compositore Philip Glass.
5. A chiunque sul set era proibito citare le frasi caratteristiche dei buffi personaggi interpretati da Carrey nei suoi precedenti film.
6. Quando gli fu proposto, David Cronenberg rifiutò di dirigere il film, fu Peter Weir a prenderne in seguito il posto.
7. Dennis Hopper fu originariamente scelto per il ruolo di Christof, ma lasciò il film il primo giorno di riprese per divergenze creative. Ed Harris lo sostituì.
8. Per questo film Jim Carrey è stato premiato con il Golden Globe come miglior attore drammatico, ma curiosamente non ha ottenuto la nomination agli Oscar del 1999.
9. Come mostra il film, la cupolona/set dove si svolge lo show si trova a nord della famosa scritta HOLLYWOOD. Nella realtà in quel posto c’è una città che si chiama Burbank. Che coincidenza: il protagonista dello show si chiama Truman Burbank!
10. Quando si devono ambientare alcune scene in una piccola città, di solito si ricostruisce il centro abitato all’interno di un set cinematografico. In questo caso, dovendo rappresentare un enorme set televisivo, si è scelto di girare in un’autentica piccola città il cui nome è Seaside e si trova in Florida
11. All’inizio del film Truman dice di voler visitare gli antipodi del posto in cui si trova, ovvero le isole Fiji, quindi facendo un breve calcolo anche solo a occhio, la finta cittadina in cui abita dovrebbe trovarsi nel Mali (Africa). Poiché gli era stato detto che la ragazza di cui era innamorato, Lauren, era fuggita in queste lontane isole dell’Oceania, nella sua casa compare una finta cartina geografica dove le Fiji hanno una superficie almeno 50 volte maggiore rispetto alla realtà, e sono situate molto vicino all’Antartide, per dissuaderlo ulteriormente dalla fuga.
12. Ogni strada nella città di Seaheaven ha il nome di un attore (per esempio Lancaster Square è un omaggio a Burt Lancaster).
13. Le riprese del film sono iniziate il 9 dicembre 1996 per concludersi il 21 aprile 1997. Costato circa 60 milioni di dollari, la pellicola ha incassato negli Usa oltre 125 milioni di dollari e circa 113 milioni nel resto del mondo. In totale gli incassi furono di circa 240 milioni di dollari.