Cartolina: Leonardo DiCaprio vince l’Oscar.

88th Annual Academy Awards - Show
Non diamo per scontato questo pianeta. Non davo per scontata questa serata.

28 febbraio 2016. Leonardo DiCaprio vince l’Oscar come Migliore attore protagonista per Revenant.

Annunci

Oscar 2016: ovvero, di quella volta che Leo vinse l’Oscar!

the-oscars-2
E così questi Oscars 2016 si sono conclusi. Un ringraziamento speciale a tutti quei temerari che sono rimasti in piedi tutta la notte e sono riusciti a seguirci con commenti e giudizi sull’andamento di questa prestigiosa cerimonia (siete aumentati di tanto anche durante l’evento e non posso che dichiararmi più che contento)!
Spero vi sia piaciuto il nostro servizio di questa notte e vi invito a continuare a seguirci sulla nostra pagina facebook Cinemundto.

Migliore sceneggiatura originale

  • Matt Charman, Ethan Coen e Joel Coen – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)
  • Alex Garland – Ex Machina
  • Josh Cooley, Ronnie del Carmen, Pete Docter e Meg LeFauve – Inside Out
  • TOM MCCARTHY E JOSH SINGER – IL CASO SPOTLIGHT (SPOTLIGHT)
  • Andrea Berloff, Jonathan Herman, S. Leight Savidge e Alan Wenkus – Straight Outta Compton

Migliore sceneggiatura non originale

  • CHARLES RANDOLPH E ADAM MCKAY – LA GRANDE SCOMMESSA (THE BIG SHORT)
  • Nick Hornby Brooklyn’
  • Phyllis Nagy – Carol
  • Drew Goddard – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Emma Donoghue – Room

Miglior attrice non protagonista

  • Jennifer Jason Leigh – The Hateful Eight
  • Rooney Mara – Carol
  • Rachel McAdams – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • ALICIA VIKANDER – THE DANISH GIRL
  • Kate Winslet – Steve Jobs

Migliori costumi

  • Sandy Powell – Carol
  • Sandy Powell – Cenerentola (Cinderella)
  • Paco Delgado – The Danish Girl
  • JENNY BEAVAN – MAD MAX: FURY ROAD
  • Jacqueline West – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Miglior scenografia

  • Rena DeAngelo, Bernhard Henrich e Adam Stockhausen – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)
  • Michael Standish e Eve Stewart – The Danish Girl
  • COLIN GIBSON E LISA THOMPSON – MAD MAX: FURY ROAD
  • Celia Bobak e Arthur Max – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Jack Fisk e Hamish Purdy – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Miglior trucco e acconciatura

  • LESLEY VANDERWALT, ELKA WARDEGA E DAMIAN MARTIN – MAD MAX: FURY ROAD
  • Love Larson e Eva Von Bahr – Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve (Hundraåringen som klev ut genom fönstret och försvann)
  • Sian Grigg, Duncan Jarman e Robert A. Pandini – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Miglior fotografia

  • Ed Lachman – Carol
  • Robert Richardson – The Hateful Eight
  • John Seale – Mad Max: Fury Road
  • EMMANUEL LUBEZKI – REVENANT – REDIVIVO (THE REVENANT)
  • Roger Deakins – Sicario

Miglior montaggio

  • Hank Corwin – La grande scommessa (The Big Short)
  • MARGARET SIXEL – MAD MAX: FURY ROAD
  • Stephen Mirrione – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Tom McArdle – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • Maryann Brandon e Mary Jo Markey – Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)

Miglior montaggio sonoro

  • MARK MANGINI E DAVID WHITE – MAD MAX: FURY ROAD
  • Alan Robert Murray – Sicario
  • Matthew Wood e David Acord – Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)
  • Oliver Tarney – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Martin Hernandez e Lon Bender – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Miglior sonoro

  • Andy Nelson, Gary Rydstrom e Drew Kunin – Il ponte delle spie (Bridge of Spies)
  • CHRIS JENKINS, GREGG RUDLOFF E BEN OSMO – MAD MAX: FURY ROAD
  • Andy Nelson, Christopher Scarabosio e Stuart Wilson – Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)
  • Paul Massey, Mark Taylor e Mac Ruth – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Jon Taylor, Frank A. Montaño, Randy Thom e Chris Duesterdiek – Revenant – Redivivo (The Revenant)

Migliori effetti speciali

  • MARK WILLIAMS ARDINGTON, SARA BENNETT, PAUL NORRIS E ANDREW WHITEHURST – EX MACHINA
  • Andrew Jackson, Dan Oliver, Andy Williams e Tom Wood – Mad Max: Fury Road
  • Anders Langlands, Chris Lawrence, Richard Stammers e Steven Warner – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • Richard McBride, Matt Shumway, Jason Smith e Cameron Waldbauer – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Chris Corbould, Roger Guyett, Paul Kavanagh e Neal Scanlan – Star Wars: Il risveglio della Forza(Star Wars: The Force Awakens)

Miglior cortometraggio d’animazione

  • BEAR STORY, REGIA DI GABRIEL OSORIO VARGAS
  • Prologue, regia di Richard Williams
  • Sanjay’s super team, regia di Sanjay Patel
  • We can’t live without cosmos, regia di Konstantin Bronzit
  • World of tomorrow, regia di Don Hertzfeldt

Miglior film d’animazione

  • Anomalisa, regia di Charlie Kaufman e Duke Johnson
  • Il bambino che scoprì il mondo (Boy & The World), regia di Alê Abreu
  • INSIDE OUT, REGIA DI PETE DOCTER E RONNIE DEL CARMEN
  • Shaun, vita da pecora – Il film (Shaun the Sheep Movie), regia di Mark Burton e Richard Starzak
  • Quando c’era Marnie (思い出のマーニー Omoide no Mānī?), regia di Hiromasa Yonebayashi

Miglior attore non protagonista

  • Christian Bale – La grande scommessa (The Big Short)
  • Tom Hardy – Revenant – Redivivo (The Revenant)
  • Mark Ruffalo – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • MARK RYLANCE – IL PONTE DELLE SPIE (BRIDGE OF SPIES)
  • Sylvester Stallone – Creed – Nato per combattere (Creed)

Miglior cortometraggio documentario

  • Body Team 12 – regia di David Darg e Bryn Mooser
  • Chau, Beyond The Lines – regia di Courtney Marsh e Jerry France
  • Claude Lenzmann: Spectres Of The Shoah – regia di Adam Benzine
  • A GIRL IN THE RIVER: THE PRICE OF FOREGIVENESS – REGIA DI SHARMEEN OBAID-CHINOY
  • Last Dat Of Freedom – regia di Dee Hibert e Jones Nomi Talisman

Miglior documentario

  • AMY, REGIA DI ASIF KAPADIA
  • Cartel land, regia di Matthew Heineman
  • The Look of Silence, regia di Joshua Oppenheimer
  • What happened, miss Simone?, regia di Liz Garbus
  • Winter on Fire: Ukraine’s Fight for Freedom, regia di Evgeny Afineevsky

Miglior cortometraggio

  • Ave Maria, regia di Basil Khalil
  • Day one, regia di Henry Huges
  • Everything will be ok, regia di Patrick Vollrath
  • Shock, regia di Jamie Donoughue
  • STUTTERER, REGIA DI BENJAMIN CLEARY E SERENA ARMITAGE

Miglior film straniero

  • El abrazo de la serpiente, regia di Ciro Guerra (Colombia)
  • Mustang, regia di Deniz Gamze Ergüven (Francia)
  • IL FIGLIO DI SAUL (SAUL FIA), REGIA DI LASZLO NEMES (Ungheria)
  • Theeb, regia di Naji Abu Nowar (Giordania)
  • A War, regia di Tobias Lindholm (Danimarca)

Miglior colonna sonora

  • Thomas Newman – Il ponte delle spie (Bridge Of Spies)
  • Carter Burwell – Carol
  • ENNIO MORRICONE – THE HATEFUL EIGHT
  • Jóhann Jóhannsson – Sicario
  • John Williams – Star Wars: Il risveglio della Forza (Star Wars: The Force Awakens)

Miglior canzone

  • Earned It (Abel Tesfaye, Ahmad Balshe, Jason Daheala Quenneville e Stephan Moccio) –Cinquanta sfumature di grigio (Fifty Shades of Grey)
  • Manta Ray (J. Ralph e Antony Hegarty) – Racing Extinction
  • Simple Song #3 (David Lang) – Youth – La giovinezza (Youth)
  • Til It Happens to You (Diane Warren e Lady Gaga) – The Hunting Ground
  • WRITING’S ON THE WALL (JIMMY NAPES E SAM SMITH) – SPECTRE

Miglior regia

  • Lenny Abrahamson – Room
  • ALEJANDRO GONZALEZ INARRITU – REVENANT – REDIVIVO (THE REVENANT)
  • Tom McCarthy – Il caso Spotlight (Spotlight)
  • Adam McKay – La grande scommessa (The Big Short)
  • George Miller – Mad Max: Fury Road

Miglior attrice protagonista

  • Cate Blanchett – Carol
  • BRIE LARSON – ROOM
  • Jennifer Lawrence – Joy
  • Charlotte Rampling – 45 anni (45 Years)
  • Saoirse Ronan – Brooklyn

Miglior attore protagonista

  • Bryan Cranston – L’ultima parola – La vera storia di Dalton Trumbo (Trumbo)
  • Matt Damon – Sopravvissuto – The Martian (The Martian)
  • LEONARDO DICAPRIO – REVENANT – REDIVIVO (THE REVENANT)
  • Michael Fassbender – Steve Jobs
  • Eddie Redmayne – The Danish Girl

Miglior film

  • La grande scommessa (The Big Short), regia di Adam McKay
  • Il ponte delle spie (Bridge of Spies), regia di Steven Spielberg
  • Brooklyn, regia di John Crowley
  • Mad Max: Fury Road, regia di George Miller
  • Sopravvissuto – The Martian (The Martian), regia di Ridley Scott
  • Revenant – Redivivo (The Revenant), regia di Alejandro González Iñárritu
  • Room, regia di Lenny Abrahamson
  • IL CASO SPOTLIGHT (SPOTLIGHT), REGIA DI TOM MCCARTHY

The Revenant – La recensione

REVENANT_LEO

THE REVENANT
Alejandro G. Iñárritu; Usa, 2015 – Biografico, Avventura, Drammatico
Voto: 8/9 su 10.

Siete riusciti a resistere all’ondata di pirateria che si è verificata qualche settimana fa? I due film in questione piratati in tempo record (nemmeno I MercenariKick-Ass 2 sono stati così tanto scaricati in poche ore) erano The Revenant e The Hateful Eight. Questo dello streaming è un discorso che non ci piace, che tocca tutti Noi amanti del grande e del piccolo schermo ma di cui non parleremo qua. Possiamo solo dire che ovviamente ne siamo contrari e ci riteniamo contenti se Voi che ci seguite, faceste lo stesso.the-revenant-1

The Revenant: che gran film!
The Revenant (Redivivo in italiano) è basato sull’omonimo libro biografico scritto da Michael Punke nel 2003 e parzialmente ispirato alla storia vera del trapper (cacciatore di pelli) Hugh Glass. Egli, interpretato da DiCaprio, viene assunto da una compagnia privata come guida per una battuta di caccia alla ricerca di pelli e pellicce. Tra cacce, esplorazioni e fughe da sempre troppo vicini indiani Ree e un attacco da parte di un grosso grizzly, Glass rimane mortalmente ferito e lasciato in fin di vita (abbandonato soprattutto da un certo John Fitzgerald, impersonato da Tom Hardy) nei gelidi e innevati territori montani del North Dakota. Siamo nel 1823 e la grande avventura fatta di sofferenza, fatica e lenta guarigione sotto un forte spirito di vendetta, inizia solo ora. Glass attraversò morente tutto il Dakota, da nord a sud, fino a Fort Kiowa, per più di 320 km.

Iñárritu si ripresenta agli Oscar, un anno esatto dopo aver vinto, anzi stravinto, in molte delle categorie principali (e con altre candidature) per Birdman. E anche per questo suo nuovo film quest’anno ci sono ben 12 candidature. Insomma, sembra gli sia davvero piaciuto sentirsi vincitore e ora vuole ripetersi. E grazie a lui, Leo potrebbe vincere il suo primo Oscar. Potrebbe. Stiamo a vedere…

Quello che ha fatto Iñárritu con questo film è qualcosa di grandioso, qualcosa di diverso rispetto ciò a cui siamo abituati. Se il regista messicano ci aveva stupito nel 2014 con Birdman per i suoi lunghi piani sequenza, questa volta fa di meglio. Vengono affrontati temi come la sopravvivenza dell’uomo verso la natura e l’uomo stesso, la rabbia, l’incapacità di riuscire a salvare la propria famiglia e la conseguente vendetta, il viaggio fisico ma anche spirituale, il tutto con una precisa attenzione tecnica ad ogni minimo particolare in un contesto decisamente più realistico. Stilisticamente e registicamente perfetto. Bellissimi ed intensi i due primi piani sequenza che aprono il film. Ottima l’idea di usare solo la vera luce solare per riprendere. Certo, ci è voluto più tempo per girare ogni singola scena nei giusti momenti della giornata, ma la resa finale è spettacolare, e questo grazie anche alla sempre più azzeccata fotografia di uno dei più grandi direttori della fotografia esistenti, Emmanuel Lubezki.
Spettacolare quanto il lavoro fatto da ogni singolo attore, sottoponendosi a dure prove di sopravvivenza estrema. Leonardo DiCaprio e Tom Hardy su tutti, anche se in due modi diversi. Il primo si è completamente messo alla prova, soprattutto fisicamente. Il personaggio di Leo non parla granchè, o almeno non lo fa verbalmente, piuttosto usa un linguaggio che ultimamente non è mai stato sfruttato abbastanza. Sbattuto, picchiato e martoriato per quasi tutta la durata del film, Leo ha enfatizzato ogni singolo sguardo e movimento del corpo, riuscendo a trasmettere con una sua grande prova attoriale mai vista prima (un assaggio lo avevamo già avuto con The Aviator e The Wolf Of Wall Street) una tale intensità e moltitudine di sfaccettature di carattere. Una recitazione soffocata, silenziosa, che esce dal profondo dell’anima. Attenzione: ad alcuni, questo lato del suo personaggio potrà invece sembrare fin troppo esasperato e grottesco.

leonardo_dicaprio_revenant
I veri protagonisti del film sono i graffi, gli sputacchi e le bavette di Leo…

Tom Hardy, che qui interpreta il fastidioso antagonista della situazione, vi darà un nuovo ottimo motivo per amarlo di più, la cui parte prevede più dialoghi e una più canonica ma pur sempre eccellente recitazione. E qui si consacra ancora una volta come uno dei migliori attori più versatili della sua generazione.
E’ d’obbligo menzionare ancora il lavoro svolto dallo stuntman Glenn Ennis che interpreta il grizzly che attacca lo sfortunato Glass.

12507485_396612710509276_4360432585208943402_n
Date un Oscar a quell’orso!